Dipende! Da cosa? Il prezzo è variabile a seconda del professionista a cui ci si rivolge e dalla lunghezza del brevetto (numero di rivendicazioni). Generalmente una domanda di brevetto italiana ben fatta costa tra i 2.500 ed i 3.500 euro (accertatevi che nel costo siano già comprese tasse, traduzioni, tavole e consulenza)

Marchio e brevetto rappresentano due tipologie di protezioni industriali differenti, ognuna con caratteristiche specifiche ed uniche. Avere la titolarità di un brevetto consente lo sfruttamento e lo sviluppo esclusivo dell’invenzione da parte del titolare di quest’ultimo. Il marchio invece, da un punto di vista prettamente giuridico, è ciò che serve a distinguere ogni tipologia di prodotti e servizi di un’impresa da quelli di altre imprese. Il marchio ha dunque una funzione totalmente diversa dal brevetto e non impedisce in alcun modo ad una ipotetica concorrenza di immettere sul mercato un prodotto del tutto simile ma con un nome diverso.

Esistono diversi modi, da scegliere sulla base del caso specifico. In alcuni casi è vivamente consigliato depositare un brevetto, in altri casi è meglio tenere segreta l’idea. In ogni caso, prima di esporsi, è bene tutelarsi con un accordo di riservatezza.

L’accordo di riservatezza (non disclosure agreement o NDA in inglese) è un contratto usato per garantire che informazioni confidenziali condivise con una controparte rimangano private e che non vengano usate per scopi diversi da quello concordato tra le parti.

È importante non assumere che una conversazione con un consulente o con un partner sia automaticamente confidenziale. Un contratto di riservatezza è un documento semplice per proteggere le proprie idee e iniziative o per condurre discussioni e trattative private.

Il progetto viene gestito da Isinnova insieme all’inventore stesso, in base alla sua disponibilità di competenze e tempo.

Le tempistiche variano in base ad una miriade di fattori, i ppiù importanti dei quali sono: la conoscenza del settore specifico che Isinnova possiede, il grado di difficoltà di realizzazione del progetto, il fatto che ci si debba rivolgere a collaboratori esterni o meno, la complessità di reperimento del materiale di cui si necessita e lo stato di avanzamento dell’idea che viene portata.

Il primo costo è sicuramente quello della ricerca di anteriorità, fondamentale per capire la validità dell’idea che viene presentata. I costi successivi, poi, variano in base al tipo di progetto e allo stato di avanzamento dello stesso.

Le modalità con le quali un progetto viene finanziato sono le più disparate e variano a discrezione dell’inventore e di Isinnova stessa. Sicuramente Isinnova può finanziare in parte o in toto i progetti, in base alle potenzialità che trova nell’invenzione.

Grazie alla ricerca di anteriorità l’inventore ha un’idea più chiara del potere di mercato che potrebbe avere il prodotto; inoltre Isinnova garantisce un servizio di consulenza oggettiva per guidare l’ideatore verso la scelta migliore da compiere nel viaggio della realizzazione del proprio prodotto.

Il percorso verso la realizzazione del prodotto è vario e segnato da diverse tappe che non sono identiche per ogni tipologia di progetto. Ogni inventore e idea presentano caratteristiche specifiche e proprie, quindi il viaggio non è definibile dall’inizio, in quanto possono ci sono molte variabili che possono sussistere in corso d’opera.